Teatro e Disabilità. In scena giovedì sera al Teatro Comunale di Trecastagni “Provare per Credere”, nuova produzione teatrale del CSR di Viagrande. Resoconto e foto

Realizzato in collaborazione con il Teatro comunale di Trecastagni, è andato in scena ieri sera lo spettacolo “Provare per credere. Il racconto che incanta” del Csr di Viagrande: un’esibizione di teatro, musica, canto e ballo che ha coinvolto disabili e non.

Provare per credere - 1
Scoprire un talento sconosciuto, imparare a ballare, danzare, recitare, sperimentando l’emozione del palcoscenico. E’ stato questo l’obiettivo della seconda edizione di “Provare per credere”, lo spettacolo teatrale che ha coinvolto 11 ragazzi e ragazze disabili del Consorzio Siciliano di Riabilitazione di Viagrande, andato in scena giovedì 9 aprile al Teatro comunale di Trecastagni.

Realizzato in collaborazione con l’Ente teatrale di Trecastagni, lo spettacolo del centro di riabilitazione Csr della provincia etnea è stata un’esibizione di teatro, musica, canto e ballo che ha messo assieme disabili e non, lasciando ad ognuno la possibilità di esprimersi al meglio e come può. Quest’anno lo spettacolo del Csr è stato intitolato “Il racconto che incanta – U cuntu ca ‘ncanta”: una favola moderna che declina il tema del naufragio sotto molteplici aspetti. Il naufragio delle migliaia di vite umane che si riversano sulle coste siciliane, dramma quotidiano che porta i migranti a fuggire dalle proprie terre, ma anche il naufragio interiore vissuto soprattutto dai giovani di oggi, fatto di solitudine, diffidenza, paura del “diverso”. A questo è stato dedicato il primo atto dello spettacolo, che dopo la pausa poi si è trasformato in un vero e proprio musical con cui è stata rivisitata l’intramontabile favola di Pinocchio.

Scritto e diretto da Giorgia Portelli in collaborazione con Daniele Greco, Elisa Greco e Mario Calì, lo spettacolo è stato l’atto finale di un percorso durato sei mesi, che ha consentito ai disabili assistiti dal Csr di mettersi alla prova e sperimentare emozioni nuove. Emozioni che sono state racchiuse in un video mostrato alla fine dello spettacolo, in cui si ripercorrono le varie fasi del progetto teatrale.

Alla fine dell’esibizione al teatro di Trecastagni, è stato uno scrosciare di applausi. Soddisfazione per la “bravura dei nostri ragazzi, che di anno in anno acquisiscono competenza e sicurezza” è stata espressa dal Direttore generale del Csr, ing. Francesco Lo Trovato, presente alla serata assieme al Presidente del Consorzio Sergio Lo Trovato, al sindaco di Trecastagni Giovanni Barbagallo, e al consigliere comunale Armando Sorbello.

Un plauso particolare, infine, al cast e a chi ha contribuito a realizzare lo spettacolo: gli attori del Csr Nino Cucinotta, Nino Torre, Toni Colella, Adele Isola, Carmelo Sciuto, Cecilia Di Mauro, Biagio Lombardo, Agata Valgutti, Gabriele Poli, Angela Caruso, Isabella Strazzeri; gli attori “esterni” Giuseppe Previti, Alfio Messina, Federica D’Arrò, Alessandro Proietto, Fabrizio Messina e il piccolo Tommaso Cutore; Giorgio Migliori per le scenografie; Elisa Drago e Giovanna Corseri per i costumi; Salvo Marotta per il service video; la Ditta Noè per luci, audio e suono; l’aiuto scena Salvo Corsaro; Valeria Carrubba e Mariana Ignoti per il trucco; Anna Talbot per l’organizzazione.