Viagrande, lavori pubblici: 800mila euro per Opere Pastorali della Parrocchia di San Biagio

Notificato il decreto di finanziamento e l’autorizzazione a procedere al bando di gara.
Il progetto prevede interventi strutturali, con rifacimento degli impianti, dei pavimenti, degli intonaci interni ed esterni.

VIAGRANDE – Al via l’iter per i lavori di manutenzione straordinaria dell’immobile sito in via Petrone (ai numerici civici 2,4 e 6) afferente e di proprietà della Chiesa parrocchiale di San Biagio; l’intervento non riguarda, invece, la struttura della chiesa che è regolarmente aperta.

Il decreto di finanziamento e l’autorizzazione a procedere al bando di gara sono stati notificati nei giorni scorsi a Palermo, nella sede dell’assessorato alle Infrastruttura e Mobilità della Regione Siciliana, all’amministrazione comunale rappresentata dal sindaco di Viagrande, Francesco Leonardi.

I fondi rientrano nel bando pubblico per “la promozione di interventi di recupero finalizzati al miglioramento della qualità della vita e dei servizi   pubblici urbani nei Comuni della Regione Siciliana” emanato dal dipartimento Infrastrutture Mobilità e Trasporti.

Il finanziamento ammonta a 800mila euro e copre l’intero costo del progetto; le somme sono così ripartite, 541.416 euro per l’importo dei lavori, mentre 258.583 il totale delle somme a disposizione. 

Con il perfezionamento del finanziamento ci apprestiamo a dare il via a una importante opera pubblica volta al recupero di un immobile afferente la parrocchia di San Biagio e ad oggi chiuso e inutilizzabile” afferma il sindaco di Viagrande, Francesco Leonardi. 

L’avvio dell’iter – prosegue Leonardi – costituisce, allo stesso tempo, un virtuale passaggio di consegna con l’ormai prossima conclusione dei lavori nell’ex palazzo Municipale, sito in piazza San Mauro, finanziati nella medesima misura. L’importo del finanziamento è il più alto ottenuto nel corso degli ultimi anni, nei quali, comunque, a Viagrande non sono di certo mancati lavori pubblici, finanziati con fondi extra comunali”.

I lavori. L’intervento è mirato a sanare l’immobile a causa della presenza di cospicua umidità di risalita dal sottosuolo e per la mancanza di un vespaio nel terrapieno.  Previsti il rifacimento della copertura della terrazza, la realizzazione della nuova copertura a falde con materiale ligneo, delle pavimentazioni interne, degli intonaci interni ed esterni, degli infissi esterni ed interni, dell’impianto elettrico, dell’impianto idrico-anticendio, dell’impianto di condizionamento.  

Verranno realizzati anche una nuova scala esterna (di collegamento fra il piano terra e il primo piano), tre servizi igienici (di cui uno per disabili), un impianto fotovoltaico e la messa in opera di un ascensore.

L’amministrazione dovrà dare corso all’espletamento della gara entro 180 giorni dalla notifica del decreto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.