Viagrande. Presenti – Assenti

A Viagrande alle ultime elezioni comunali si sono presentati 4 candidati a Sindaco. Quello attuale, Venera Cavallaro, Enzo Sanfilippo, Francesco Labadie e il sottoscritto. Di questi, 3 erano già stati Sindaco, la Cavallaro, Sindaco uscente e già vice Sindaco di Sanfilippo, e il sottoscritto, Sindaco prima di Sanfilippo. Labadie era vice Sindaco nella prima amministrazione di quest’ultimo. L’opposizione, o presunta tale, è rappresentata da 6 dei componenti della lista Sanfilippo, giunta seconda alle ultime elezioni comunali. Ritengo, e così è stato nel più recente passato, che l’opposizione debba essere se non “diretta”, quanto meno “coordinata” dal candidato Sindaco, primo dei non eletti. Non mi pare che oggi sia così se, come ho sentito dire, i consiglieri di opposizione sembrerebbe che si ritengano “sciolti” da ogni impegno nei confronti del capo della lista con la quale si sono presentati. Poco male o, quanto meno, non è un problema che mi riguarda direttamente, se non come cittadino che non può non constatare come a Viagrande la “democrazia” si stia trasformando in “oligarchia”. Sono pochi, troppo pochi, e in parte sempre gli stessi, quelli che gestiscono il potere, bene o male che lo facciano. E ciò non è certo un bene. Così come non mi pare che sia un bene che ad una opposizione “silente” si aggiunga il silenzio di chi avrebbe, forse, il dovere di intervenire nell’interesse della collettività. Ciò al fine di chiarire chi sia il responsabile ed evitare che, come riferito da “radio fante”, e come sembrerebbe evincersi da qualche articolo, o comunicato, di stampa, qualcuno tenti di “scaricarsi” le proprie, eventuali, manchevolezze, accusando ed additando altri quali responsabili del grosso danno economico subito dal Comune a seguito del mancato, regolare, completamento della pratica di esproprio del Parco Monteserra. Mi pare di aver letto che sembra sia stato indicato, quale responsabile della mancata sottoscrizione e notifica del decreto di esproprio, il Sindaco in carica al momento della “realizzazione” del parco, che non ero più io. Il progetto per la realizzazione del parco, infatti, fu da me ideato e fatto finanziare dalla Comunità Europea, con allora 4 miliardi di lire, e poi materialmente realizzato, per i necessari tempi burocratici, da chi è venuto dopo di me. La mia “colpa”, se colpa è, come indirettamente mi è stato rinfacciato, è quella di avere programmato, progettato e realizzato troppe opere pubbliche. Una “colpa” perché chi è venuto dopo di me sembra che non abbia avuto la capacità di gestirle, delegando privati ad utilizzare, più o meno gratuitamente, qualcuna di tali opere. Altra “colpa” è forse quella di avere ottenuto dalla Regione e dall’Europa troppi contributi e di avere fatto pervenire al Comune troppi soldi, regolarmente entrati nelle casse comunali. E questa circostanza può essere una colpa. Se, infatti, non ci fossero stati i soldi, non si sarebbero potuti spendere, o sprecarli. Ho già detto, e lo ribadisco, che la pratica del Parco Monteserra, come le altre, fu da me lasciata in perfetta regola ed in modo amministrativamente e legalmente ineccepibile. Se errore c’è stato, per incuria o incapacità, ciò è evidentemente avvenuto dopo di me. Sarebbe opportuno, anzi credo necessario, chiarirlo a tutti i cittadini, che tale “errore” dovranno pagare. Non si può parlare solo dai palchi, nei comizi durante la campagna elettorale. E’ giusto che l’impegno assunto da ogni candidato Sindaco in quei giorni, nei confronti della cittadinanza, di “servire” il popolo, venga mantenuta, almeno da chi ha, direttamente o indirettamente, la possibilità di farlo. E’ giusto che venga ripagata la fiducia di quel gruppo di elettori che lo hanno sostenuto. Ogni candidato Sindaco, tra l’altro, insieme ai componenti di ogni lista, ha ricevuto consensi intorno al 25% dei votanti e rappresenta, quindi, un quarto circa dei cittadini-elettori. Non si può essere “presenti” in campagna elettorale, ed “assenti” dopo. Mi aspetto che chi ritenga di farlo chiarisca la sua posizione. Io l’ho fatto.

Avv. Francesco Corsaro Boccadifuoco

  21 comments for “Viagrande. Presenti – Assenti

  1. ciccio
    16 novembre 2009 at 9:08

    Caro Avv. Boccadifuoco, io ho molto rispetto e stima nei suoi confronti, e sono sicuro che lei parla in buona fede. Nella vita si possono fare tanti errori, ma uno degli errori più grandi è quello di parlare senza sapere. (N.B. a proposito di: Non mi pare che oggi sia così se, come ho sentito dire, i consiglieri di opposizione sembrerebbe che si ritengano “sciolti” da ogni impegno nei confronti del capo della lista con la quale si sono presentati). Lei non deve parlare in base ai pettegolezzi, deve essere sicuro di quello che dice!! Mettiamo il caso che io me ne vada in giro a dire che la Dottoressa Cavallaro dia la colpa di questa causa del monte all’Avvocato Boccadifuoco. E questa non è una cosa giusta, perchè le mie parole sono fonte di pettegolezzi e chiacchiere che ci sono in paese. Noi della minoranza siamo, a livello comunale, molto uniti e il nostro capo gruppo è solo uno, Enzo Sanfilippo. Che poi ci sia qualcuno della minoranza che ha cambiato partito a livello nazionale, questo non vuol dire niente. Comunque, non mi piace polemizzare, spero solo, come lo spera lei e tutti i Viagrandesi che chi dovrà pagare, paghi, e che finalmente si sappia di chi cavolo è la colpa di questo benedetto monte!!! Il mio rammarico è solo uno, che di chiunque sia la colpa pagherà sempre chi verrà dopo.
    Sicuro di una sua risposta le porgo i miei più cordiali e sinceri saluti

  2. Avv. Francesco Corsaro Boccadifuoco
    16 novembre 2009 at 10:00

    Ringrazio “ciccio” delle parole di stima e rispetto nei miei confronti.
    Sono lieto che lo stesso confermi che spargere in giro voci infondate sul Parco Monteserra, attribuendomi colpe che non ho, non sia una cosa giusta.
    Mi fa piacere, poi, sapere che la minoranza è unita, e che si riconosca nel capo lista, anche se le informazioni in mio possesso sono diverse.
    Mi auguro, comunque, che la “minoranza” faccia anche una “opposizione” costruttiva, controllando e verificando l’operato dell’esecutivo.
    Ritengo non solo giusto ma fondamentale, dopo tutte le calunniose dicerie che girano in paese, che chi di competenza accerti le effettive responsabilità del grosso debito del Comune e che, chi ha sbagliato, risponda del proprio operato.
    Onori e oneri sono a carico di chiunque amministri un Ente Pubblico.
    Il mio rammarico non è che a pagare è “chi viene dopo”, anche perché non è così.
    La responsabilità è personale.
    Mi dolgo che a pagare, alla fine, sia il popolo.
    E questo non è giusto.
    La responsabilità, infatti, è, o dovrebbe essere, di chi ha male operato, per disinteresse o incapacità.
    Che ognuno si assuma le proprie responsabilità.
    Con cordialità.

    Avv. Francesco Corsaro Boccadifuoco

  3. nuovaviagrande
    16 novembre 2009 at 19:05

    Caro Consigliere “Ciccio” mi permetto di dirLe che trovo eccessivamente bonarie le sue affermazioni.
    Paolo Licciardello in un articolo definiva questo consiglio all’insegna del “volemoce bene“… beh… questo mi fa molta paura.
    Mi mette paura immaginare una opposizione che approva il bilancio consuntivo e preventivo.
    Con quel voto favorovele Lei ha dato il suo sta bene alle scelte politiche operate dall’Amministrazione, ha accolto favorevolmente le scelte del Sindaco e della giunta.
    Dove sta la reale opposizione in tutto questo?
    Purtroppo non esistono sul sito del Comune i verbali on line delle sedute (chissà cosa avete da nascondere!) ma mi piacerebbe molto sapere quali sono le interrogazioni portate avanti dal gruppo d’opposizione capeggiato da Sanfilippo.
    Vede Consigliere, i problemi a Viagrande sono tanti, e sono felice dell’esistenza di giovani che come Lei si interessano per cercare di migliorare le cose, ma deve tenere conto di quella parte di elettori che ripongono in voi la certezza che facciate qualcosa di concreto per migliorare i lavori anche in seno all’aula consiliare.
    Non si può fare opposizione e poi approvare il bilancio.
    Allego gli articoli de “La Sicilia

    27 settembre
    Approvato dal consiglio comunale di Viagrande il rendiconto di gestione 2008 e scongiurato l’intervento del commissario ad acta, nominato dalla Regione senza che ce ne fosse bisogno secondo gli amministratori comunali poiché tutto è stato approvato nei termini assegnati dall’assessorato regionale.
    Il Rendiconto di gestione 2008 è stato approvato con undici voti favorevoli: i nove del gruppo di maggioranza e i voti di due consiglieri di opposizione Rosario Coco (lo aveva già approvato in commissione) e Loredana Giuffrida, passata dal Mpa al Pdl sia pure rimanendo nella civica “Sanfilippo” che fa capo all’ex sindaco Sanfilippo.
    Tre le astensioni (Salvatore Gambino, Sebastiano Russo, Antonio Intelisano).

    2 ottobre
    Consiglio comunale all’insegna del “volemose bene”, tra maggioranza ed opposizione (eletti nella Lista Sanfilippo) i cui consiglieri ormai vanno a ruota libera, votando ognuno per i fatti propri, senza seguire le indicazioni di un capogruppo. Così la ricognizione sullo stato di attuazione dei programmi e verifica di salvaguardia degli equilibri di bilancio è stata votata con 12 voti favorevoli, su 14 presenti (9 provenienti dal gruppo di maggioranza compatto e 3 dall’opposizione, Loredana Giuffrida, Rosario Coco e Francesco Lo Cascio) mentre si sono astenuti il capogruppo dell’opposizione Salvatore Gambino e il consigliere Antonio Intelisano. Assente il consigliere Sebastiano Russo.

    Cosa mi dice del caso Giuffrida Loredana, da che parte sta???

    VIVA VIAGRANDE! NON CI ARRENDIAMO!

  4. Avv. Francesco Corsaro Boccadifuoco
    18 novembre 2009 at 9:25

    Il commento del cittadino-elettore “nuovaviagrande” alla nota del Consigliere “ciccio”, mi trova assolutamente d’accordo.
    Ho già detto, e lo ribadisco, che l’opposizione ha il compito di controllare l’operato della maggioranza, opponendo alla stessa, se ne sussistono gli estremi, un atteggiamento di critica costruttiva, ed adottando ogni eventuale iniziativa volta alla salvaguardia del Comune e della collettività amministrata, con particolare riferimento agli aspetti economico-politici di ogni vicenda.
    L’opposizione deve ricordarsi che rappresenta poco meno del 25% della popolazione, e poco meno anche della maggioranza che ha eletto l’attuale esecutivo.
    Direi di più. Rappresenta anche l’altro 50%, quasi, dei cittadini che hanno votato per le altre due liste che, per il vigente sistema elettorale, maggioritario e non proporzionale, non sono presenti in Consiglio.
    Un po’ meno, pertanto, del 75% degli elettori.
    Una grande responsabilità, quindi, che non può trasformarsi in un “volemuse bene” che, come è stato detto, e giustamente, “fa paura”. In ogni caso, indiscutibilmente, preoccupa.
    L’approvazione del bilancio, anche da parte dei Consiglieri di minoranza, non mi pare che possa rientrare nei compiti istituzionali dell’opposizione che, dato il quadro politico-amministrativo, non ritengo possa approvare “le scelte del Sindaco e della Giunta”.
    Meglio sarebbe stato, quanto meno, astenersi. Oggi è questa la politica a Viagrande. Mi si consenta di non esserne contento.

    Avv. Francesco Corsaro Boccadifuoco

  5. Cav. Muccapazza
    18 novembre 2009 at 16:42

    Scusate, una domanda, visto che è da poco che abito a Viagrande. Ho sentito dire che qualche anno addietro il comune è stato commissariato.
    Ma è vero? E se si, perchè? E chi era il sindaco? E gli Assessori?
    Visto l’abbondanza di opinionisti abituali, occasionali, infiltrati, ospitati, ecc… qualcuno che mi risponderà ci sarà di sicuro!!!!!!! GRAZIEEEEEEEE!!!!!!! Che bello!!! Rispondeteeeeee!!!!!

    Ossequi, Cav. Muccapazza.

  6. Cav. Muccapazza
    18 novembre 2009 at 16:49

    Sapete, ho sentito dire tante cose in giro, in piazza… ma si sa che non sempre vox populi vox Dei. E siccome a me piace sapere cose reali e non frutto di dicerie, prego che qualcuno mi aiuti.
    GRAZIEEEEEEEE… opinionisti…
    Cav. Muccapazza.

  7. Chico Mendes
    18 novembre 2009 at 23:33

    I Sindaci dal 1821 ad oggi

    1821-1825 Francesco Scuderi Bonaccorsi
    1825-1829 Notaio Antonino Noce
    1829-1832 Giuseppe Reitano
    1832-1834 Michelangelo Barbagallo
    1834-1840 Dott. Luigi Platania
    1840-1843 Luigi Platania Mirone
    1843-1846 Luigi Scuderi
    1846-1848 Dott. Salvatore Scuderi
    1848-1489 Antonino Scuderi Bonaccorsi
    1849-1850 Dott. Salvatore Scuderi
    1850-1853 Francesco Musumarra
    1853-1589 Dott. Antonino Scuderi
    1859-1862 Domenico Reitano Patti
    1862-1867 Antonino Balsamo
    1867-1867 Domenico Reitano Patti
    1867-1870 Dott. Ignazio Mirone
    1870-1872 La Rosa Gaetano
    1872-1873 Giuseppe Mirone
    1873-1887 Diego Mirone
    1887-1890 Alfio Musumarra (Regio delegato)
    1890-1892 Carmelo Barbagallo
    1892-1892 Giuseppe Mirone
    1892-1897 Luigi Platania
    1897-1899 Francesco Rapisarda
    1899-1902 Emanuele Barbagallo
    1902-1903 Antonio Barbagallo
    1903-1904 Luigi Platania
    1904-1913 Diego Mirone
    1913-1920 Luigi Platania
    1920-1926 Avv. Salvatore Scuderi
    1926-1927 Emanuele Barbagallo (Podestà)
    1927-1935 Giovanni Corsale (Podestà)
    1935-1935 Dott. Rosario Brancati (Commissario Prefettizio)
    1935-1944 Prof. Salvatore Caruso (delegato R. Podestà)
    1944-1944 Vincenzo Conti
    1944-1952 Cav. Giuseppe Mirone Deodato
    1952-1964 Prof. Giuseppe Mirone
    1964-1969 Cav. Antonino Sapienza
    1969-1970 Giuseppino D’Agata
    1970-1971 Antonio Nicolosi
    1971-1973 Cav. Angelo Nicolosi
    1973-1974 Dott. Salvatore Russo (Commissario Regionale)
    1974-1975 Dott. Onofrio Zaccone (Commissario Regionale)
    1975-1981 Avv. Antonino Caruso
    1981-1985 Vincenzo D’Agata
    1985-1994 Avv. Francesco Corsaro Boccadifuoco
    1994-1994 Rag. Angelo Politi (Commissario Regionale)
    1994-2003 Vincenzo Sanfilippo
    2003-… Dott.ssa Venera Cavallaro

  8. Cav. Muccapazza
    20 novembre 2009 at 16:00

    Caro Mendes non ho capito niente della sua gentilissima risposta forse PONZIOPILATESCA. Da uno come lei sempre informato di tutto e di tutti e di più mi sembra alquanto poco precisa e molto PONZIOPILATESCA. Ma Vossia non è l’unico animatore del sito, ci sono altri: Signori, Consiglieri, Medici, Dottori, Impiegati, Laureati, Commercianti, Disoccupati, Infermieri, Studenti, Artigiani, Attori, Giornalisti, Ballerine, Saltimbanchi, Onorevoli, Avvocati… e nuddu ri tutti sti gran testi pinzanti ci sapi arrispunniri a n’cretinu zauddu comu a mia??? Avaia tagghiaticcilla ri fari a finta ri sciarriarivi, fozza, fozza, fozza ri docu!!!!!! facitilu cuntentu o’Cavaleri e parrati… mi pariti na bazzelletta, chiddu ca si siddia picchì u chiamanu Tale, chidda ca si ni senti picchì non ci canusciunu i meriti o dutturi assessuri ra provincia, chiddu ca sapi tuttu, chiddu ca non fu iddu, chiddu ca foru l’autri, chiddu ca fa u’ pottavoci ri una ca non sapi parrari, chiddu ca si voli bene ccu tutti, chiddu ca si fa i so’ cazzi o’munti, chiddu ca scrivi n’te giunnali ‘zoccu voli iddu, chiddu ca pigghia bonu ppi l’amicu, chiddu ca fa u scienziatu, chiddu ca voli ammazzari i cani cche puppetti, chiddu ca è n’prufissuri… N’chs!!, anzi MINCHIUNEDDA chi beddi facci ri lambretta!!!! ma mu’ spiegati comu avissi a gghiri avanti ‘n paisi quannu a so’ crema ra politica e dde’ professionisti intellettuali, su sti soggetti re’ bazzelletti?????? ARRISPUNNITI!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

    Vi amo, vi AMO, Vi amO, vi AMO!!!!! perchè siete meglio di un teatrino comico e mi tirate sempre su il morale!!!!! Cav. Muccapazza… vi AMA!!!!!!!!!!! siete meglio dei personaggi di Guzzanti, Sordi e Verdone messi assieme!!!!! VI AMO VI AMO VI AMO!!!!!

  9. Mario Costanzo
    20 novembre 2009 at 17:07

    Condivido caro Cavaliere,
    ma c’è un piccolo problema… la “crema” viene votata dalla popolazione… che poi puntualmente li critica…
    chi è colpa dei suoi mali pianga se stessa…
    e questo vale per qualsiasi elezioni (amministrative, regionali e nazionali)…

  10. Cav. Muccapazza
    21 novembre 2009 at 0:19

    Caro Costanzo
    pensavo di essere io il rinco ma pare che sono in buona compagnia. Quando MuccaPazza parla della c.d. CREMA non si riferisce soltanto a quei pipperos del comune, ma ahilui anche a tutta la fascia che si autoincensa come elite e culturalmente economicamente e socialmente progredita. Costanzo parru ri chiddi ca s’annacanu i culi e si sentunu spetti arrinisciuti, cche soddi e i scoli iauti, no sulu ddi quattru scunchiuruti ro’cumuni. Mi sta capennu, o si cchiu zauddu ri mia???????????????? Stu paisi iè pessu fotti picchì u cchiu megghiu parra parra parra e sinni futti e na’bona patti ri chisti ca ianu i scoli iauti e sunu m’pottanti su macari annicchia sciamuniti. Ma non ciu’ ricemu ca s’affennunu. Ora mi capisti o ci levu manu????????????????????
    ma a mia mi piacissi aviri risposti ri ggenti m’pottanti e ca cuntanu. Senza offesa Costanzu TU cu si????? Si m’pottanti o si viddanu comu a mmia??? Vogliamo opinionisti di peso. Consiglieri, dotti, o almeno AVVOCATI…
    VI aMo… vivo x VOI!!!!!
    cAv. MUCCapaZZA…

  11. Chico Mendes
    21 novembre 2009 at 11:47

    Caro Cavaliere
    … postando l’elenco dei sindaci viagrandesi, rigorosamente copiato da Wikipedia (alla voce “Viagrande“) pensavo che la risposta fosse fra le righe.
    Era il 1994 ed il sindaco era proprio l’avvocato Francesco Corsaro Boccadifuoco.
    A buoni intenditori… poche parole!

  12. Cav. Muccapazza
    21 novembre 2009 at 15:07

    Gent.mo Mendes la ringrazio.
    Sa, anche la mia domanda era tra le righe ed anche chi scrive assiduamente e però non risponde… è più che tra le righe…
    comunque LO AMO!!!!!!!!!!!!!!!!!
    con AmOre Cav. muCCapazzA.

  13. osli83
    22 novembre 2009 at 17:09

    Caro muccapazza,
    esistono diversi sistemi leciti per ottenere risposte e partecipare alla vita politica del paese. Il sito è soltanto uno dei tanti strumenti a disposizione di noi cittadini per discutere e confrontarci.
    Le chiedo di evitare gli insulti o le bassezze non perchè mi infastidisce essere definito “pipperos“, “scunchiuruto” o “scemunito“, ma perchè rischia di ridicolizzare argomenti che invece sono importanti per la collettività e giustamente suscitano diversi spunti di riflessione.
    Lei è un Cavaliere, qui sul sito, ma nella vita reale cosa ha fatto mai per migliorare l’andazzo delle cose?
    Risponda alla sua coscienza!
    Se un giorno il Consiglio sarà eletto con un sistema proporzionale, tutti, o quasi, saremo rappresentati in consiglio e forse qualcosa nella dialettica della politica migliorerà dentro e fuori il Palazzo di Città.
    Ricordo a tutti che il Consiglio Comunale è pubblico, ma purtroppo sono pochissimi i cittadini che assistono alle sedute.
    La partecipazione attiva è il primo ingrediente indispensabile per migliorare Viagrande e poter parlare o scrivere con cognizione di causa.
    Cordiali saluti

    Oscar Licciardello

  14. Cav. Muccapazza
    22 novembre 2009 at 19:00

    Ridicolizzare??????????
    ma secondo Lei Licciardello c’è bisogno delle affermazioni di una muccaPazza per ridicolizzare cosa???????? CChiù scuru ri menzannotti non po’ fari… beddu miu… cosa serve ridicolizzare ciò che lo è già senza alcuna possibilità di ulteriore ridicolizzazione perchè già il non plus ultra????????? e prima di invitare in massa i cittadini ai consigli, consiglierei di installare una cospicua quantità di toilette in zona… il perché pensatelo voi… iù pozzu ittari sulu i vuredda oramai… RIDICOLIZZARE io !!!!!!!!

    LICCIARDELLO… ma mi faccia il piacere!!!!!!!!!!! E si ricordi mio caro: non esistono domande o affermazioni imbarazzanti, esistono risposte imbarazzate e imbarazzanti. CREDO di essere stato chiaro Licciardello, non tenti Lei o i suoi omologhi pipperos di coprirvi imputando cose inesistenti agli altri. Non crediate miei cari pipperos che la gente è come la trattate voi, noi non siamo dei microcefali, siamo solo disgustati. Licciardello, mi faccia il piacere… ci volete pure togliere il diritto sacrosanto di criticarvi? Di vedere i casini e le pochezze che mortificano un paese e la sua gente?????

    Cav. MuCCApaZza…

  15. Cav. Muccapazza
    22 novembre 2009 at 19:11

    … e poi i pipperos sono i proseliti di Pippo, l’amico del buon Topolino!!!!!
    Lei Licciardello cosa aveva capito???????

  16. 22 novembre 2009 at 21:35

    Caro Cav. Muccapazza
    … nell’esortarla ad adoperare una terminologia un tantino meno colorita (giusto un pizzico), vorrei ricordarle, solo per dovere di cronaca, che il consigliere Oscar Licciardello è proprio uno degli ultimi arrivati nell’amministrazione di questo paese e, considerando la sua giovane età ed i risultati ottenuti in questo anno e mezzo, credo proprio che possiamo ritenerci soddisfatti del suo operato.
    Mi sembra, quindi, alquanto fuoriluogo scaricargli addosso colpe che non ha!
    Credo, invece, che il suo fosse un vero invito dettato dall’animo di chi vorrebbe un clima di dialogo, visto ancora il carattere privo di malizia della sua politica. Un politico più anziano tende sicuramente a nascondersi di più quando tira aria cattiva. Non crede Cavaliere?
    Del resto… lo scopo che cerca di raggiungere questo blog è proprio quello dell’interazione con l’Amministrazione… qualunque essa sarà nel tempo, una sorta di post-Consiglio… dove si possa discutere del “deciso” o del “da decidere“.
    Lo scontro verbale, e lo ripeterò fino all’inverosimile, risulterà sempre sterile e di freno per l’apertura dei rapporti!
    Vi esorto quindi ad effettuare interventi consoni ai canoni del confronto costruttivo cercando di rimanere quanto più possibile entro i margini della diplomazia politica.

    Si può essere pungenti anche senza dover offendere chiunque per partito preso!

    Mario Macrì

  17. Chico Mendes
    23 novembre 2009 at 2:41

    Sono d’accordo con Mario riguardo al consigliere Licciardello. E’ un giovane, e per quanto lo si voglia definire rampante o “pipperos” è comunque spinto da quella voglia di mettersi in mostra con nuove idee, tanto impegno, anche se limitato dalle possibilità espressive che il suo gradino nella scala gerarchica gli consente.
    Il problema è che però… cco’ tempus’appizzunu… si smaliziano… e s’ammucciunuarreri e mura… in attesa che passi il forte vento.
    Sperando che ciò non avvenga anche per lei, sig. Licciardello, perchè non ci illumina su ciò che sta facendo l’amministrazione per risolvere questo grave problema?

  18. il_laureato
    24 novembre 2009 at 10:00

    Ormai la mia non più giovane età suggerisce di non prendersela con chi, malgrado la giovane età, anche politica, cerca di promuovere o addirittura “smuovere” qualcosa in questo paese dove per decenni si è andati avanti, in malo modo, sempre con le stesse facce ormai ingrigite e in alcuni casi anche afflitte dai dispiaceri delle sconfitte subite.
    Diamo la possibilità ai giovani di farsi le ossa, di far crescere le loro idee a prescindere dal colore politico (se ancora esiste).
    Loro hanno interesse ad avere un futuro in un paese più “moderno“.
    Per i meno giovani come me, dico che conosciamo già le vecchie facce e ricordiamo il loro passato anche se non ci fa piacere ricordarlo. Finisco ringraziando tutti i giovani che hanno fatto, fanno e sicuramente faranno.
    Grazie Oscar Licciardello, grazie Francesco Lo Cascio, grazie Loredana Giuffrida, grazie Carmelo Gatto, grazie Nello Leone e scusate se ne dimentico qualcuno (di giovane).
    Un sentito ringraziamento a Mario Macrì

  19. giapponese
    2 dicembre 2009 at 18:44

    E’ una vergogna che i consiglieri di opposizione si schierino con la maggioranza.
    Noto un’ignoranza politica ed una voglia personale di arrivismo che fa a pugni con la più semplice deontologia politica…

  20. il_laureato
    9 dicembre 2009 at 10:46

    Non voglio fare l’avvocato del diavolo (non mi piace farlo e non mi ci sento) ma volevo ricordare che sia nello schieramento di maggioranza sia in quello di opposizione vi si trovano soggetti legati a tanti schieramenti politici. Secondo me è questo l’errore più grande che si commette durante la campagna elettorale, raggruppare gente di tanti “colori“.
    Poi gli elettori fanno da giudici.
    Comunque, la cosa che conta è l’attività dei capi lista, di ambo i lati, che deve mirare a mantener stretta la coalizione.

  21. giapponese
    12 aprile 2010 at 20:40

    C’è UNO SCHIFO A VIAGRANDE.