Alfio Grasso

Alfio GrassoCarissimi Concittadini,
sono Alfio Grasso, classe 1980, e da sempre vivo a Viagrande, paese che amo incondizionatamente.

Qualcuno, probabilmente, mi definirebbe un viagrandese DOC, ma oggi, sinceramente, non credo di essere più concittadino di chi ha “scelto” Viagrande come luogo ideale per la propria residenza e contribuisce quotidianamente alla sua crescita.

Laureato in Scienze Storiche e Politiche e specializzato in Storia Contemporanea, ho dedicato la mia vita alla comunicazione, alla letteratura e alla cultura in generale, come scrittore, giornalista e, professionalmente, come editore.

Credo fermamente nelle potenzialità e nelle risorse del nostro territorio e sono convinto che Viagrande, pur mantenendo la sua dimensione di “paese” a misura d’uomo, possa essere promossa da stazione di sosta, o peggio di passaggio, a capolinea eccellente per i turisti e per tutti coloro che desiderano impegnare con iniziative interessanti il loro tempo libero.

La nostra storia, le nostre tradizioni, le nostre ville, gli stessi personaggi che nel tempo hanno dato lustro al nostro amato paese non possono rimanere soltanto “targhe appese ai muri”, ma devono essere riscoperti e valorizzati al fine di ridare a Viagrande lo splendore che merita.

Per fare questo bisogna creare le condizioni ideali, ma soprattutto serve una maggiore cooperazione e la partecipazione diretta della cittadinanza nella gestione della cosa pubblica.

A tal fine, le Consulte rappresentano uno strumento fondamentale, affinché le diverse categorie possano dare il loro contributo allo sviluppo del paese e gli amministratori possano intraprendere scelte utili e condivise.

Viagrande ha bisogno di un nuovo modo di amministrare che possa edificarsi sulla competenza, sull’esperienza e su idee realmente innovative.

Per questa ragione non posso che sposare la causa del nostro candidato sindaco Turi Nicotra, colui che, a mio avviso, detiene tutte quelle caratteristiche e qualità necessarie per un cambiamento decisamente “responsabile” e degno di essere chiamato tale.

Confido molto nel buon senso della gente e mi auguro che, alla fine di questa tornata elettorale, a vincere possa essere soltanto Viagrande.

Alfio Grasso