Viagrande, D’Emanuele a GS.it: “Ci salveremo senza play out. Già da Scordia non possiamo più sbagliare”

Le esclusive di GS.it - Intervista all'attaccante dei catanesi.

D'EmanueleIn piena lotta salvezza, il Viagrande dopo un inizio di campionato positivo, ha perso qualche punto per strada. Per la permanenza in Eccellenza servirà grinta e concentrazione da qui alla fine del campionato. Goalsicilia.it ne ha parlato con Luca D’Emanuele (foto Ilaria Zangla) una delle frecce offensive dei catanesi, detentore del record stagionale di gol in Eccellenza in una sola partita, ben cinque.

La corsa salvezza entra nel vivo…

“Siamo in una posizione in cui ogni passo falso potremmo pagarlo molto caro. Appunto per questo non possiamo sbagliare nulla già da domenica a Scordia. Ogni partita è importante per la nostra salvezza visto che ne mancano solo sette”.

Chi temi di più in ottica play out?

“Onestamente l’idea di fare i play out non mi sfiora minimamente perché con le nostre potenzialità avremmo dovuto essere salvi già da molto tempo. Evidentemente però non abbiamo sapute sfruttare al meglio le occasioni. Quindi sta a noi dimostrare chi siamo in questo rush finale”.

Ti aspettavi questi problemi del tuo ex Taormina?

“Onestamente no, però evidentemente qualche problema lo avranno avuto visto come stanno andando le cose. E’ un bel gruppo con un ottimo mister e un grande presidente”.

Se il Real Avola non dovesse risolvere i problemi societari, potreste già essere salvi…

“Credo sia un errore sperare nei problemi altrui. Noi pensiamo a noi, allenamento, allenamento, allenamento e giocare domenica dopo domenica: il lavoro paga e sono sicuro che raccoglieremo i frutti”.

Sei soddisfatto del tuo rendimento personale?

“Generalmente sono uno che non si giudica, quello che posso dirti è che non mi accontento mai: punto sempre a migliorarmi e cerco di dimostrarlo sempre dando il meglio di me e mettendomi a disposizione del mister”.

Sei cresciuto calcisticamente nel settore giovanile del Catania. Quali sono i tuoi ricordi più belli e poi, sogni magari di poterci tornare un giorno?

“I ricordi più belli del Catania sono, senza dubbio, le partite giocate alle Final Eight a Chianciano Terme: è stata un’emozione giocare contro Milan, Fiorentina, Empoli eccetera. Tornare sarebbe realizzare un grande sogno chiuso nel cassetto…”.

Mister Jemma sarà ancora a lungo fuori per squalifica. Quanto soffrite la mancanza del mister a bordo campo?

“Siamo una squadra con un’età media molto bassa ma nello stesso tempo molto matura quindi riusciamo a gestire questa mancanza. E’ chiaro che il mister è il nostro punto di riferimento quindi comunque l’assenza pesa leggermente”.

Vittorio Damiani

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.