Viagrande: InFaust – Laboratorio Intensivo di teatro, condotto da Stefano Cenci

04 marzo 2016 presso Viagrande Studios a Viagrande.

InFaust.
Laboratorio intensivo di teatro con apertura finale al pubblico.Nella morsa dei giorni, della routine della roulette russa, in questa epoca di infinito tramonto occidentale, l’uomo moderno a tutta velocità tenta di fuggire dalle definizioni di sé, dai gruppi e dalle ideologie, cavalca tutto ciò che è mobile, scostante, senza radici, e così facendo cavalca anche la Storia, trova nuovi gruppi a cui appartenere, si radica in nuove convinzioni. Perché questo è inevitabile, stare immobili nel flusso della vita e allo stesso tempo lasciarsi trasportare e viaggiare nella fissità dell’eterno.

Faust, il più moderno dei miti moderni, in tutte le sue declinazioni. Ora è lui a tentare demonio perché tanto ha messo in discussione (e confuso) cosa è bene e cosa è male, cosa è puro e cosa è immondo, cosa è divino e cosa volgare, cosa è figlio della volontà e cosa dell’oblio.

E allora proviamo a stare insieme, vigorosi e fertili, come grappoli di individui, organismi multipersonali, anemoni dei sentimenti, senza volontà ma con solo emozioni, e accettiamo il caos che arriva, senza protezione né giudizio, come rami degli alberi o frutti dei rami; come se la salvezza del singolo fosse la negazione dell’individuo, come se la salvezza dell’individuo fosse la pluralità indefinita.
Stefano Cenci.

“FAUST, inquieto, siede davanti al leggìo.
Faust. Ed ho studiato, ahimè, filosofia, giurisprudenza, nonché medicina: ed anche, purtroppo, teologia. Da cima a fondo, con tenace ardore. Eccomi adesso qui, povero stolto; e tanto so quanto sapevo prima. Mi chiamano Maestro: anzi Dottore. Sono dieci anni che menando vo pel naso i miei scolari, di sù di giù, per dritto e per traverso Ma solo per accorgermi che non ci è dato di sapere, al mondo, nulla di nulla. E quasi mi si strugge, ardendo il cuore.” (Johann Wolfgang von Goethe)

Programma:
Esercizi fisici atti a scoprire cosa possiamo e cosa non possiamo fare. Agire nello spazio da soli, ma soprattutto col gruppo di lavoro, come un corpo solo. Oltre o ai confini delle possibilità delle leggi della fisica e della resistenza umana. Il cervello come subalterno del corpo.

Ai partecipanti verrà chiesto in previsione del laboratorio di imparare un breve testo a memoria, scelto a piacere dal Faust di Goethe.

Calendario:
25 ore complessive da Venerdi 4 a Domenica 6 Marzo
Venerdi 4 e Sabato 5 : 10.00-13.00 / 14.00-19.30 (13.00-14.00 pausa pranzo)
Domenica 6 : 10.00-13.00 / 14.00-19.00 ( 13.00-14.00 pausa pranzo)

Per info: info@viagrandestudios.com , 095-7901080

Indirizzo: Via Francesco Baracca, 1, Viagrande

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.