Perché l'Europa non si fida dei nostri politici (come non ci fidiamo noi)

Vi propongo la lettura di un simpatico articolo di grande attualità, scritto da Curzio Maltese, e pubblicato sul Venerdì di Repubblica del 28 Febbraio u.s.
Buona lettura!

L’ex prof A. Selvaggio

 
Perché l’Europa non si fida dei nostri politici (come non ci fidiamo noi).

Curzio MalteseCon il nuovo governo ricomincia la storiella dell’Italia che dovrebbe andare in Europa e “ battere i pugni sul tavolo “, come se l’Unione fosse una riunione di condominio.
Più modestamente si tratta in realtà di chiedere perdono in ginocchio e ottenere qualche favore, come farà Matteo Renzi e prima di lui hanno fatto i suoi predecessori, a volte con successo.
Non é vero che l’Europa é stata sempre troppo severa nei confronti dei conti italiani, altrimenti non saremmo arrivati a 2.100 miliardi di debito. Lo é dal 2011, quando abbiamo sfiorato la soglia di non ritorno del 130 per cento del Pil, con il rischio della bancarotta alle porte.
In ogni caso, sembra difficile che Renzi possa ottenere più di Mario Monti ed Enrico Letta, cioé nulla.
L’Europa non ha fiducia nei nostri politici- come noi italiani, del resto- e ne ha fondati motivi. Nessuno crede che un governo italiano userebbe i soldi pubblici per rilanciare l’economia con un New Deal o per investire sull’ammodernamento del Paese, istruzione, ricerca, grandi opere…
Semplicemente perché nessun governo l’ha mai fatto negli ultimi trent’anni.
Il colossale debito pubblico italiano é servito a finanziare la ricerca di consenso da parte di un sistema di partiti ormai impopolare. Il debito nasce, cresce e si moltiplica ( per sette ) negli anni Ottanta, quando la Democrazia Cristiana di Giulio Andreotti e il Partito socialista di Bettino Craxi fanno esplodere la spesa pubblica per crearsi forti clientele elettorali, alimentare un sistema sempre più corrotto e garantire i privilegi di Corporazioni e categorie, compresi milioni di evasori fiscali. Silvio Berlusconi ripete la stessa politica, e così pure alcuni governi di centrosinistra ( D’Alema, Amato ), con l’eccezione dei due governi Prodi, gli unici a ridurre il debito.
Il tutto avviene con la complicità di milioni di cittadini, indifferenti al fatto che saranno i figli a dover pagare il prezzo di tanta scelleratezza. Con Monti finisce la cuccagna e il risultato é che, in due anni, Beppe Grillo vola al 25 per cento. Con simili precedenti, perché l’Europa dovrebbe credere a Matteo Renzi e non pensare che lo sforamento dei parametri serva semplicemente a foraggiare un’altra campagna elettorale ?
Altro discorso sarebbe invece se un governo italiano s’impegnasse a varare riforme impopolari, lanciasse una vera lotta contro la corruzione e l’evasione fiscale, magari accompagnate da uno shock, come la patrimoniale da quattrocento miliardi ipotizzata da Fabrizio Barca. Figuratevi. I pugni dunque é meglio tenerli in tasca.

Articolo scritto da Curzio Maltese