Calcio a 5. L'A2 che sarà…

Festa promozione in A2

Ora la palla passa alla Covisod. Tra iscrizioni e domande di ripescaggio sono 27 le squadre che allo stato attuale parteciperanno alla serie A2. Tre sarebbero le società che non si sono iscritte: Atletico ArzignanoCornedo (che aveva già fatto sapere di voler interrompere l’attività, ben prima della tentata unione di intenti con il Vicenza), Cus Chieti (che ha rinunciato nella giornata di ieri) e Sport Five Putignano (anch’essa da parecchi giorni intenzionata a chiudere i battenti). E il Venezia? Non ci sono notizie. Dunque, aspettando il “conteggio” finale, dovrebbero essere quattro le società ad aver posto fine alla propria attività. In extremis, il Verona ha inviato la propria domanda; poco prima, gli uffici stampa di Potenza e Dolomitica Belluno avevano annunciato il perfezionamento delle iscrizioni dei club lucano e Veneto. Al contrario, il presidente Marco Vacca ha confermato il mancato inoltro in via Po della richiesta di ripescaggio per il Cagliari, che dunque, anche il prossimo anno giocherà in A/2.
Anche il Loreto Aprutino ha inviato la documentazione, mentre nei giorni scorsi Trento, Città di Sestu (la nuova denominazione della Paolo Agus) e Viagrande avevano anticipato i tempi chiudendo l’iter delle rispettive domande di ammissione dalla serie cadetta, raggiunte oggi dal Fabrizio Corigliano, la quarta società che ha chiesto di poter disputare il campionato di seconda divisione.

Per cui, tratte le opportune conclusioni e tirate le somme, le iscritte al campionato di A/2 2013/2014 dovrebbero essere, in ordine alfabetico: Acireale, Aesernia, Aosta, Augusta, Cagliari, Carmagnola, Città di Sestu, Dolomitica Belluno, Fabrizio Corigliano, Fuente Foggia, Forlì, Gruppo Fassina, Latina, Lecco, Libertas Eraclea, Loreto Aprutino, New Team FVG, Odissea 2000 Rossano, Orte, Pesarofano, Potenza, Reggiana, Roma Torrino (l’ex Brillante), Salinis, Trento, Toniolo Milano e Viagrande.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.