Viagrande. Il Gal Terre dell’Etna è realtà, ora tocca ai Comuni sfruttarlo

Si è tenuto nella sala riunioni del centro diurno per anziani di via della Regione, l’incontro di presentazione del Piano di sviluppo locale, redatto dal Gal (Gruppo di azione locale) terre dell’Etna e dell’Alcantara, organizzato dall’assessorato regionale Agricoltura e foreste – Soat del distretto Etna.
Lo hanno presentato il dott. Giuseppe La Rosa funzionario dell’assessorato regionale Agricoltura e Foreste, il dott. Gioacchino Pappalardo del Gal e i consulenti dott. Simona Sirugo, dott. Giacomo Barrile e dott. Antonio Lo Tauro.
Era l’ultimo dei tre incontri organizzati dal Comune di Viagrande sul tema “Sviluppo e nuove opportunità per le imprese”.
All’incontro erano presenti numerosi imprenditori del settore agro-alimentare e turistico, delle Pro Loco, nonché i sindaci e i rappresentanti delle amministrazioni comunali di Nicolosi, Milo, Pedara, Trecastagni, Sant’Alfio, Viagrande e Zafferana Etnea.
Durante l’incontro sono state presentate le Misure dell’Asse III del Piano di sviluppo rurale della Regione Sicilia 2007-2013, inerenti ai finanziamenti per l’incentivazione del settore turistico, delle microimprese, dei servizi essenziali per la popolazione rurale e della filiera corta.
L’obiettivo è ben chiaro: cercare di sviluppare un turismo compatibile con il territorio e soprattutto fortemente integrato nel territorio, dove i Comuni hanno un ruolo determinante specie se si considerano facenti parte di un «unicum».

(font: La Sicilia – Paolo Licciardello, 13 dicembre 2009)