I giovani e l’uso «totale» della tecnologia

Viagrande. Al convegno organizzato all’Ic «Verga» per la Giornata mondiale di Internet mancavano solo i genitori.

Ottimo risultato del convegno organizzato nella sala auditorium dell’Istituto comprensivo «G. Verga» in sinergia tra l’associazione culturale «Scalatelli» e il dirigente scolastico prof. Giuseppe Trovato, in concomitanza con la giornata mondiale di Internet. Si può benissimo dire che è stata indicata la strada sulla quale associazioni culturali che agiscono in loco (e sono tante) possono incontrarsi gli interessi degli studenti e le finalità della associazioni culturali.
I temi del convegno sono stati sviluppati da due professionisti del settore: Filippo Spadaro («Web 2.0 e le prospettive dell’interattività»), Alfio Licciardello («Indagini sui nativi digitali») e dal vice-questore Marcello La Bella («Le ombre di Internet e la sicurezza») hanno tenuto alta l’attenzione degli studenti i quali si sono dimostrati interessati e preparati alle varie problematiche illustrate dai relatori.
Dalla relazione di Alfio Licciardello che si è soffermato anche sull’indagine conoscitiva sull’uso della tecnologia, estesa a 75 studenti (31 ragazze e 34 ragazzi), è emerso che 75 studenti su 75 posseggono un telefonino, che il 74,67 % possiede videogiochi, l’86,67% possiede una connessione internet a casa, e nel 94,67 c’è un pc a casa; 56 ragazzi posseggono un indirizzo email e 24 sono autori di lavori messi on line.
Inoltre 16 ragazzi trascorrono circa 1 ora davanti al pc, 19 due ore, 13 tre ore, 16 oltre cinque ore. Il principale utilizzo: 49 utilizzano il pc per motivi di studio, 42 per gioco, 57 chattano, 49 ascoltano musica, 18 seguono lo sport. Dati abbastanza significativi che dovrebbero conoscere anche i genitori. Ma purtroppo l’unico neo del convegno è stato l’assenza dei genitori (che erano stati invitati) così come hanno fatto notare il presidente della associazione culturale «Scalatelli» Filippo Pistone, il dirigente scolastico prof. Giuseppe Trovato (al quale è stata consegnata una targa ricordo) e l’assessore alla P.I. Maria Rita Moschetto.

(font: La Sicilia – Paolo Licciardello, 19 maggio 2009)