Viagrande. Poesia siciliana dedicata a S. Alfio di Trecastagni

 

Lu deci di maggiu ‘nciuri su li vigni
ca lu suli accalura li campagni.
Tu carritteri la vita t’impigni
pi ghiritinni a festa a Tricastagni.
Abbessa e para u cavaddu e ‘o carrettu
ca ‘nta la festa ci trovi dilettu.
Lu carritteri è chinu di primura
scinni a lu Jancu pi fari la gara,
a lu cavaddu ci menti a pastura
na la cchianata di li Sapunara.
Acchiana, acchiana cavaddu baggianu
mentri la genti abbattunu li manu.
A Tricastagni, chi c’è ‘nta ddu chianu
si peddi ‘nta dda fudda ‘n cristianu
ca Tricastagni di pirsuni è chinu.
Ci sunu cavaddi e carretti parati,
ci sunu canti, soni e donni sapuriti,
tutti li genti restunu ‘ncantati
e appressu a li carretti li viditi,
ci sunu vinnituri a cintinara
ca ‘nta dda strada stanu misi a tera
e quantu ci ni sunu cicirara
e cappiddara ‘nta dda festa vera.
Vinni, vinni ed ognunu vinni paru
ma lu chiù vinni è u tamburiddaru.
Quantu ‘ntuttuna lu focu si senti
e a picca a picca nesciunu li santi,
grida lu ranni e grida lu carusu
viva Sant’Affiu lu miraculusu.
 
Il dieci di Maggio le vigne sono in fiore
perchè il sole riscalda le campagne.
Tu carrettiere ti impegni la vita
per andartene alla festa di Trecastagni.
Sistemi e addobbi il cavallo ed il carretto
perchè nella festa trovi diletto.
Il carrettiere è pieno di premura
scende al Bianco per fare la gara,
al cavallo sistema la pastura
nella salita dei Saponari.
Sali, sali cavallo vanitoso
mentre la gente ti batte le mani.
A Trecastagni, che c’è in quella piazza
ci si può perdere nella folla
perchè Trecastagni di persone è pieno.
Ci sono cavalli e carretti addobbati,
ci sono canti, suoni e bellissime donne,
tutte le persone restano incantate
e appresso ai carretti li vedete,
ci sono venditori a centinaia
che in quella strada stanno messi per terra
e quanti ce ne sono venditori di ceci
e cappellai in quella festa vera.
Vende, vende ed ognuno vende uguale
ma chi vende di più è il tamburellaio.
All’improvviso i fuochi d’artificio si sentono
e a poco a poco escono i santi,
grida l’adulto e grida il ragazzo
viva Sant’Alfio il miracoloso.
     
Salvatore Coco   traduzione di Mario Macrì