Viagrande: arrestati due fratelli per tentato omicidio

Due fratelli di Mascalucia sono stati arrestati la scorsa notte dai Carabinieri della Stazione di Viagrande per tentato omicidio ai danni di un 27enne di Viagrande. I due fratelli, rispettivamente di 39 e 32 anni, incensurati, da quanto è stato possibile constatare, si sono recati nella nottata a casa del malcapitato per cercare di farsi restituire un acconto già versato per la realizzazione di alcune insegne pubblicitarie che avevano commissionato alcune settimane addietro e che, pare, non siano state consegnate nei tempi pattuiti. L’iniziale discussione però, per cause in corso di accertamento e comunque apparentemente dettate da futili motivi, è degenerata in poco tempo, tanto che i due hanno iniziato ad inveire e successivamente ad aggredire il malcapitato che ha cercato di difendersi. Durante la colluttazione, quest’ultimo però ha avuto la peggio, perché è stato attinto da due fendenti all’altezza del gluteo sinistro. I due aggressori, pur vedendo il giovane a terra ferito, sono saliti a bordo dell’autovettura di proprietà, un grosso fuoristrada e, prima di allontanarsi dal luogo, lo hanno investito, per fortuna riuscendo ad attingerlo solo parzialmente. La vittima è riuscita così a chiamare il 112 ed il 118. Prontamente soccorso, è stato trasportato presso l’ospedale Cannizzaro di Catania ove è stato sottoposto alle cure del caso e giudicato guaribile in 30 giorni per lesioni varie, ferite da taglio e fratture al braccio. I Carabinieri di Viagrande, immediatamente giunti sul posto, sono riusciti a ricostruire in breve tempo la dinamica dell’aggressione e risalire alla identificazione dei responsabili. Questi, nel frattempo si sono a loro volta recati presso l’ospedale Cannizzaro per farsi medicare alcune contusioni che si erano procurati durante la colluttazione. Hanno comunque ammesso la dinamica dei fatti e pertanto sono stati entrambi arrestati con la pesante accusa di tentato omicidio. Ora si trovano rinchiusi presso la Casa Circondariale di Catania Piazza Lanza.

(font: Catania Oggi – Red, 24 marzo 2009)